Stacks Image 78
Gazzettino maodadaista – Freddo campionario di avanguardie proprie all'estetica maodadaista del secolo XXI. Rilasciamo lauree ad honoris a dittatori d'ogni sorta e orientamento politico. Non si applicano sconti comitiva.
Stacks Image 40
Avanguardia Alternativa
Gazzettino maodadaista
Freddo campionario di avanguardie proprie all'estetica maodadaista del secolo XXI.
Rilasciamo lauree ad honoris a dittatori d'ogni sorta e orientamento politico.

Non si applicano sconti comitiva.
Opinioni dadà spina dorsale di stampo Duchampista, commento vigoroso agli avvenimenti dell'oggi e del divenire.

Giudizi di valore (In collaborazione con Vilfredo Pareto) già di per se autoesplicativo. Perché giudicare la gente ad alta voce è snob, farlo su carta è chic.

Haiku dal giappone al cassonetto differenziato.

Arti grafiche per quando non si ha voglia di scrivere.

Arbitrario oscuramento

C'è stato un periodo buio, nel quale il maodadaismo è stato a tratti abbandonati, a tratti solo trascurato. Ma ora siamo di ritorno, con tanta voglia di fare.

Spoiler alert: ce ne saranno altri.

Non avere le palle

A volte, osservando il quotidiano d'ogni giorno (pleonasmo volontario rafforzativo, ndr), mi soffermo su interazioni a me aliene. Capita che le dette interazioni implichino persone atte ad animato scambio di appellativi coloriti.

E la prima cosa che mi viene in mente è: "io non sarò mai in grado di farlo, figa".

Entrerebbe sistematicamente in vigore una sorta di stato di ebrezza, portante a sudorazione, bocca pastosa e soprattutto visibilissimo tremore – paragonabile alla morte di Coupeau nell'Assommoir (spoiler alert).

Si instaurerebbe poi un blocco involontario del sistema nervoso, che mi renderebbe incapace di proferir parola. Una sorta di procedura di emergenza che mette il sistema in pausa, in attesa che la crisi passi.

Malgrado questa incapacità endemica al confronto virulento mi torni utile nella maggior parte dei casi, mi trovo ad invidiare di nascosto gli attori del litigio.

Poi mi concentro sul tenore verbale dello scambio e sui capi di vestiario, e l'invidia passa, veloce ma non indolore, come una scureggina mollata in una sala d'attesa gremita.

Infrazioni à la carte

Si sentono sovente - magari ancor più in periodo di attribuzione di seggi - avvisi richiedenti la riduzione, o addirittura l'abolimento, dei radar (per gli amici della penisola, leggesi "controllo elettronico della velocità").

E io qui m'incazzo.

E a incazzatura vien data risposta del tenore di "vabbè, ma è poi solo un radar, lo fan solo per rompere le balle e fare cassa".

Allora ragionando uguale, ma per iperbole, è come venirmi a dire: "Ma no dai, mica devi denunciarmi, ti ho poi rubato solo 100.- dalla cassa, cosa saranno mai?"

Ulteriori motti di spirito